Mercoledì, 14-12-2011

Oggi, come pensiero del giorno, voglio proporre una poesia a me cara: l’Albatro di Baudelaire. Questi versi, davvero intensi, sono stati fonte di ispirazione!

L’Albatro

Sovente, per diletto, i marinai catturano degli albatri,
grandi uccelli marini che seguono, indolenti
compagni di viaggio, il bastimento scivolante sopra
gli abissi amari.

Appena li hanno deposti sulle tavole, questi re
dell’azzurro, goffi e vergognosi, miseramente
trascinano ai loro fianchi le grandi, candide ali, quasi
fossero remi.

Com’è intrigato, incapace, questo viaggiatore alato!
Lui, poco addietro così bello, com’è brutto e ridicolo.
Qualcuno irrita il suo becco con una pipa mentre un
altro, zoppicando, mima l’infermo che prima volava.

E il Poeta, che è avvezzo alle tempeste e ride
dell’arciere, assomiglia in tutto al principe delle nubi:
esiliato in terra, fra gli scherni, non può per le sue ali
di gigante avanzare di un passo.

Charles Baudelaire – I fiori del male

A volte scriver
diventa poesia:
parole s’accostan
sonanti d’arguzia
in croci incrociate
d’ameno pensier.
Non leggi una riga,
capirla non puoi
la mente s’intriga:
sono walzer di sensi.
Accosti, o poeta,
del giorno i respiri,
trascrivi,
cullando,
emozioni quotidiane
diventate poesia…..
all’occhio tuo
d’albatro incompreso.  E.F.

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...