Martedì, 27 Marzo 2012…Cominica il Paradiso

CANTO SESTO: PARADISO

Passato inferno e purgatorio, a passo assai deciso
il mister ed il suo vice s’apprestavan al paradiso:
una musica soave e rumor di ballerine
si sentian man a man, sempre più vicine
il candor di queste dame dall’aspetto sopraffino
fecero pensar, che ben avea scelto il vecchio Fino.

Arrivati così al cospetto della casa del Signore
trovaron il Bortolotti a far di casa onore:
occhio assai ceruleo e fisico scolpito
stava a ballare, anch’egli il menaito
con un tunica bianca movea il bacin suadente
calzando però ancora quelle cavolo di Hug orrende.
Vedendolo in paradiso, il mister assai sorpreso
gli disse a cuor aperto “mi t’averia mes sopeso
tra purgatorio e inferno perché più devi fare
il Calca più di te, è stato in grado di segnare!”.
Fù allor che di soppianto e senza esitare
il bomber di cavedine ben seppe replicare
dicendo che tra passaggi e assist decisivi
per stare in paradiso ne aveva più di uno di validi motivi.
E fù così che riprese, a suon di macarena
a ballare il menaito muovendosi di gran lena.

Poco più distante, dal tono di voce ardito
sentiron questa frase: “cos’è che te m’ha dito?”
immaginaron quindi chi stavan per trovare
colui che verso l’inferno avean visto pria viaggiare.
Vestito di gran punto, soprabito e mocassino
il caro e buon Cristiano giacea lì vicino:
la zigaretta in bocca, viaggiava alquanto a caso
dicendo a tutti quanti: “m’è andà a coca cola su pa il naso”
e quando vide arrivare il Fulvio con l’allenatore
si scagliò loro contro, lamentandosi con ardore
“chel mona de Paolaci, pà un pelo de una tosa
che s’era solo un cesso, ma ghe parea vogliosa
el ne lasa a morire tutti, en mona proprio l’è
ma se lo gato in giro, ah si t’è vedarè
che cavo via le recie, i piei e anca i braci
così dopo l’empara, chel mona de Paolaci!
Vistolo scaldato e con una cera cupa
il mister colse l’attimo e disse: “te offro na sambuca?”
alchè lui annuì e si mise quindi in fila
ma quando ordinò, optò “pà una tequila”
e dopo averne bevue mili, si calmò il tono acceso
anche perché ormai el z’era ormai disteso.
Di tutti gli ambitanti del paradiso intero
el grande Cris Molon è cittadino vero
e anca se ogni tant en rosso el g’ha a ciapare
l’è giusto ricordar che le so colpe el sa espiare
e pò diciamola tutta che dal paradiso meglio l’urlo suona
con forza, e per sempre HELLAS VERONA!

In mezzo al trono l’ultimo attaccante
di cui racconteremo la carriera assai brillante
per oggi però ci si deve accontentare
mister, sta sera, non farmi affaticare!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...